La Buyer Persona è un concetto che ti darà tante soddisfazioni se saprai applicarlo al meglio alla tua realtà aziendale.

Procediamo con ordine, eravamo rimasti al cliente dell’Inbound Marketing ed al fatto che lo nutrivamo, è questo il giusto gergo, attraverso blog, eBook, infografiche ecc.

Ma come fai a portarlo alla tua attività? Come farti trovare all’interno della rete dove ogni giorno vengono pubblicati milioni di contenuti?

Ecco che entra in campo un concetto importantissimo dell’Inbound Marketing ovvero la  Buyer Persona.

 

Chi è il tuo cliente tipo? Come si comporta? Quali sono i suoi problemi? Dove lo puoi trovare?

Ti sei mai posto questa tipologia di domande?

Queste sono le tipiche domande che si pone un Inbound Marketer. Nulla di nuovo dirai, ma quello che è veramente innovativo è come un Inbound Marketer risponde a queste domande.

Ma…facciamo un passo indietro, cosa si intende per buyer persona?

 

La buyer persona è un “ideale consumatore o buyer”, semi-immaginario,  per il quale si devono cercare di capire: dati demografici, comportamenti, motivazioni, obiettivi, goal 

Per ogni azienda esistono diverse buyer personas e per ognuna di essere si devono ricercare i dati, identificare ed analizzare i trend e crearne la storia.

Si deve quindi realizzare una profilazione, ma come profilo la buyer persona?

Premettendo che: la Buyer persona non deve essere immaginaria ma deve avvicinarsi il più possibile al nostro cliente tipo possiamo incominciare ponendoci delle domande, tipo:

  1. Quale è il suo ruolo lavorativo?
  2. Come si chiama il suo posto di lavoro?
  3. In che settore/i tale ruolo esiste?
  4. Che cosa vuole ottenere sul suo lavoro?
  5. Quali sono le sue maggiori sfide?
  6. Dove prende informazioni per il suo ruolo?
  7. Usa internet per fare acquisti e/o informarsi sui prodotti che acquista?

Nel farti queste domande devi sempre considerare il settore in cui operi.  Le domande vanno adattate al caso particolare ed inoltre devi sempre pensare al PERCHE’ (motivazione) e non all’azione.

Alcune di queste domande sembrano di facile risposta, altre impossibili .. da dove devi partire concretamente per eseguire al meglio tale lavoro?

 

Qui di seguito troverai alcune Best Practicies:

  1. Intervista i tuoi clienti (personalmente o telefonicamente) chiedendo cosa piace a loro del tuo prodotto/servizio. Ma potresti anche intervistare ex/clienti, visitatori del sito e dipendenti/collaboratori. Devi interagire sia con “buoni” e fidati clienti sia con clienti meno “buoni”
  2. Cerca di verificare se sono uomini o donne, in che range di età sono, che tipo di reddito hanno, se possiedono una casa ecc.
  3. Ottieni tutte le informazioni possibili dal tuo team di vendita.
  4. Dopo una decina di interviste cerca di trovare similarità nelle risposte, identifica i trend, i comportamenti simili o uguali, cerca di capire il loro linguaggio e formalizzare la Buyer Persona.
  5. Ultimo passo è crearne una storia per dire chi è, la sua biografia, le sue motivazioni ed i suoi target/obiettivi. E’ importante anche inserire nella storia come pooi aiutarla a risolvere i suoi problemi, le normali obiezioni che fa, è importante riportare le sue parole originali.

Tutte queste risposte e profilazioni creeranno le premesse per  relazionarvi meglio con la Buyer Persona.

Ma cosa ci fai con tutte queste informazioni? Lo vedremo prossimamente ma ti posso anticipare che la creazione di contenuti rilevanti. grazie ad essi sarà per te molto più semplice ma andiamo con ordine e scopriamo un altro dei pilastri dell’Inbound Marketing ovvero quello del Buyer’s journey.

 

 

SE NE VUOI SAPERE DI PIÙ SUL MONDO DIGITALE CONTATTACI 
TI AIUTEREMO A CREARE LA TUA IDENTITA’ DIGITALE