Inbound Marketing e Innovazione Tecnologica

INBOUND MARKETING E INNOVAZIONE TECNOLOGICA – parte seconda

 

INBOUND MARKETING E INNOVAZIONE TECNOLOGICA: COME COMPETERE NEL MONDO GLOBALIZZATO

 

 

Inbound Marketing e Innovazione Tecnologica è il titolo della prima parte di questo contributo nato dalla relazione che ho tenuto c/o il Techno Science Park di RSM lo scorso giugno, ed in esso vi ho raccontato come, non è concentrandosi sul proprio prodotto/servizio che si vince la sfida del mercato, ma è capendo che non vendiamo un prodotto ma la soluzione ad un problema che riusciremo ad emergere e ad innovare la nostra realtà aziendale.

 

Si ma cosa centra tutto questo con l’Inbound Marketing ?

 

Inbound Marketing

 

 

Il link fra Inbound Marketing e Innovazione Tecnologica non è sottile ma è un doppio filo che cresce e che crescerà sempre di più negli anni a venire.

Come la tecnologia cambia i prodotti e servizi che offri ai tuoi clienti così il tuo Marketing ed il tuo sistema comunicativo devono cambiare ed il modo corretto per farlo è quello di usare le tecniche dell’ Inbound Marketing.

Il Web, che è alla base di questa rivoluzione e che ci ha portato all’Industry 4.0, presenta aree di crescita ancora impressionanti che potranno avere implicazioni devastanti sui business tradizionali.

Partiamo da questo concetto, internet ha trasformato il nostro modo di:

  • Vivere
  • Lavorare
  • Acquistare

 

ma le aziende non sono andate di pari passo ed hanno continuato a comunicare allo stesso modo (ad una via) gridando il proprio prodotto/servizio ad un consumatore che si è oramai stancato di essere continuamente “markettato”.

Ad avvalorare quanto sopra detto pensate che già oggi:

” I due terzi, ovvero il 66,67% di ogni processo di acquisto non ad impulso, viene affrontato online” 

Avete capito bene, 2 fasi su 3 del processo di acquisto di beni non ad impulso, avviene online e questo significa che essere on line nelle varie forme (sito istituzionale, ecommerce, canali Social Media, App ecc..) vi consente di essere presenti in 2 delle 3 fasi determinanti del processo di acquisto (Buyer’s Journey).

Ecco quanto sopra letto in un altro modo: quando voi o un vostro venditore vi sedete ad un tavolo per una trattativa con il vostro cliente/lead i 2/3 del processo di acquisto del bene/servizio oggetto della trattativa si sono già svolti.

E’ chiaro?

Vi è rimasto solo un piccolo spiraglio di vendere perchè l’acquirente si è già adeguatamente documentato, per cui si è già fatto una propria impressione/parere sull’acquisto che sta per fare.

“fargli cambiare idea quindi è e diventerà in futuro sempre più arduo”.

Cosa fare allora?

 

Inbound-Marketing i 4 fondamentali

 

E’ giunto quindi il momento di cambiare, è giunto il momento di capire che non potete pensare di continuare a vendere così come si faceva nei primi anni 2000. Dovete capire che il potere è oramai nelle mani dei vostri clienti che, grazie al web, possono in ogni momento informarsi e “smascherare” il vostro bluff (il nostro prodotto è il migliore di tutti, non esistono prodotti alternativi, noi costiamo meno di tutti, ecc.). Ora in pochi secondi, chiedendo a Google, il cliente (B2B o B2C) può trovare tutte le alternative che vuole.

rischio e opportunità

 

Tale evoluzione, se capita e ben gestita, rappresenta anche una grossa opportunità. Infatti internet ha contribuito a far nascere nicchie di mercato in altri tempi neanche pensabili (nascono continuamente comunità interessate ad ogni cosa).

Cosa dovete fare quindi? Voi dovete essere ingrado di soddisfare i loro bisogni “presentandovi sul mercato come esperti di quella nicchia e con la soluzione già pronta ai loro problemi”.

Come individuare tali nicchie? Semplice studiando le Buyer Personas che tali nicchie occupano.

Ed a questo punto abbiamo già lavorato su 2 dei 4 pilastri che costituiscono le fondamenta dell’Inbound Marketing:

  • Buyer’s Journey (il processo di acquisto del vostro cliente)
  • Buyer Personas (la rappresentazione del vostro cliente tipico)

ora introduciamo gli altri due concetti, ma se siete miei lettori sapete già di cosa parlerò.

Come capire il vostro cliente e attirare la sua attenzione è il terzo fondamento ovvero la “Generazione di Contenuti Rilevanti” che porteranno i vostri clienti ai vostri contenuti e che saranno determinanti per farvi essere nella mente di chi:

  • pensa che ha bisogno di….per soddisfare il proprio bisogno
  • sta pensando di comprare ….cercando fra le varie alternative
  • vuole comprare…quali le specifiche del prodotto?

 

Ma come costruisco un contenuto rilevante?

 

contenuti & contesto

I contenuti sono rilevanti quando prevedono la fusione di due elementi fondamentali che sono: i contenuti ed il contesto.  Qualsiasi sia il contenuto proposto, se esso è fuori contesto perde di efficacia.

Ultima delle 4 fasi è la diffusione di contenuti rilevanti.

La diffusione non è un dettaglio, potrei aver fatto tutto alla perfezione ma se non provvedo a diffondere i miei contenuti solo pochi “eletti” potranno ricevere i contenuti che con tanta fatica avete prodotto.

Come diffondere quindi i contenuti prodotti?

Anche qui l’Inbound Marketing vi da una mano, infatti è previsto che la distribuzione dei contenuti venga effettuata, grazie alle tecniche di cui sopra, portando il giusto contenuto alla giusta persona nel momento giusto.

Si ma come si fa?

Si possono usare le pagine del vostro sito, il vostro blog, social media, landing pages, calls to actions, emails…tutti strumenti che possono contribuire a diffondere i vostri contenuti.

 

 

Sono lieto che tu sia arrivato in fondo a questo articolo e ti invito a dirmi cosa pensi e cosa ti piacerebbe leggere prossimamente. Se vuoi farlo clikka qui  e fai la tua richiesta.

Continua a seguirci…tante novità ti attendono…e nel frattempo ti suggerisco una bella lettura per le prossime ferie. Se ancora non l’hai fatto scarica il nostro ebook sulla ricetta segreta dello storytelling lo avrai sempre a tua disposizione e capirai perchè la maggior parte dei siti sono concettualmente sbagliati…scrivici e se vorrai ne parleremo insieme.

 

 

Nessun commento

Scrivi un commento